Cloud Computing – Paradigma Reale


Il Cloud Computing non e’ semplicemente l’ultimo termine di moda per riferirsi al web, e’ il posto dove e’ possibile utilizzare la tecnologia solo per il tempo che serve o con le risorse strettamente necessarie.

Il Cloud puo’ essere sia software che infrastruttura hardware, un’applcazione a cui accedere via web oppure un server che attiviamo per fornire un servizio.

Come possiamo capire se un servizio e’ offerto in modalità cloud ? Vi sono diversi criteri, tra cui:

– il servizio e’ accessibile via Web Service

– non e’ necessario acquistare l’infrastruttura

– la località dove risiede l’infrastruttura non è nota

– il servizio viene pagato in base all’utilizzo

 Naturalmente questi criteri devono essere ridefiniti nel caso si tratti di Private Cloud .

 Software e Hardware Cloud

Il termine SaaS (Software as a Services) viene spesso utilizzato per indicare un’applicazione SW che funziona in modalità Cloud. Tipiche applicazione SaaS sono GMail, oppure SalesForce.com oppure Aprimo Marketing Studio. La caratterista di queste applicazioni e’ quella di essere Multitenancy, ovvero essere in grado di supportare contemporaneamente più clienti, garantendo una semplificazione degli aggiornamenti SW in quanto l’applicazione e’ la stessa. Per quanto riguarda la componete HW, i sistemi di virtualizzazione consentono l’indipendenza dall’architettura, anche se in casi reali, in ambienti di Business Intelligence ed Analytics  le performance vengono impattate negativamente.

 La virtualizzazione e’ la tecnologia cha abilita molte delle soluzioni di Cloud Computing disponibili sul mercato. Amazon con i suoi AWS (Amazon Web Services) non fa eccezione, in quanto usa come software di virtualizzazione una customizzazione del sistema Open Source XEN. Amazon ha anche introdotto un servizio di pubblicazione dei contenuti che si basa sulla piattaforma S3 denominata CloudFront , che utilizza la piattaforma cloud per distribuire contenuti con il vantaggio per gli utenti di avere una tariffa legata a volumi pubblicati.

Organizzazione e Cloud

 I vantaggi sugli aspetti organizzativi di questo paradigma sono comunque interessanti: non ci si deve preoccupare di aggiornare le licenze software oppure che una componente hardware si rompi, e perché no cade la preoccupazione di migliaia di DBA:  “la mia procedura di Disaster Recovery funzionerà ?” 

Confrontando il paradigna Cloud con l’approccio architetturale tradizionale si può sintetizzare che :

 –          gli investimenti di capitale (CAPEX) nel Cloud sono trascurabili

–          i costi di gestione variano in base all’uso, ma occorre fare attenzione in quanto possono essere elevati

–          il tempo di implementazione e’ minimo

–          consente maggiore flessibilità

–          le competenze richieste per il supporto sono moderate

–          le performance delle applicazioni potrebbero non essere soddisfacenti in ambienti analitici/ data-mining con grossi Volumi di dati.

 I CFO delle aziende non amano i costi i conto capitale, per 2 motivi: occorre un certo  tempo per il rientro dell’investimento ed i costi non si riferiscono all’esercizio corrente.

EG.

About analytics2cloud

Director Professional Services
This entry was posted in cloud and tagged , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s